Giocattoli per bambini: come sceglierli?

Aggiornamento: 12 gen 2021


giocattoli-per-bambini
ACQUISTA / Collezione Giochi Shop Farmeschi

Scegliere i giocattoli per bambini: l’indagine tedesca


Un’autorevole associazione tedesca dei consumatori lancia l’allarme: l’80% dei giocattoli per bambini testati non ha superato le prove sulla sicurezza e sette su 50 giocattoli destinati ai bambini sotto i tre anni, non avrebbero dovuto essere messi sul mercato. “I risultati sono inquietanti e devono mettere i genitori in allerta,” avverte l’associazione Stiftung Warentestche fa venir voglia di tornare a fare giochi a costo zero, per non correre rischi.



Scegliere i giocattoli per bambini: il rapporto della Commissione Europea


Secondo un recente rapporto della Commissione Europea, il 30% delle segnalazioni dei giocattoli per bambini pericolosi in Europa riguarda pupazzi e giocattoli destinati ai più piccoli. Dopo l'allarme sugli slime, la gelatina colorata amata dai bambini e ragazzi, sono partiti i controlli e i ritiri a tappeto in tutta Europa. In questo genere di pupazzi il problema principale riguarda la presenza di piccole parti, come filamenti o frange di gomma, che potrebbero essere tirate, staccate e ingerite accidentalmente. Il rischio da non sottovalutare è anche quello di soffocamento. Per i pupazzi che si illuminano la situazione è ancora più grave, perché nel caso di ingestione della piccola batteria contenuta al loro interno il pericolo di danni gastrointestinali è piuttosto elevato



Le 10 regole d'oro per scegliere i giocattoli per bambini


Il ministero italiano della salute detta invece 10 regole d’oro per ‘tutelare l’incolumità fisica’ del bambino. Le più importanti:

  • il giocattolo deve avere il marchio CE (garantisce la conformità alle norme europee)

  • vietati i giocattoli alimentati direttamente con presa elettrica, vanno scelti quelli a batteria

  • rispettare la fascia di età indicata sulla scatola (un giocattolo sicuro per un bambino di cinque anni potrebbe non esserlo per uno di due)

  • attenzione ai materiali (scegliere giocattoli di stoffa e di peluche solo di elevata qualità, quindi peli che non si staccano, occhi e naso fissati in modo antistrappo) e che non siano infiammabili

  • verificare che il giocattolo in sé o le parti staccabili non siano tali da poter essere inalati o ingeriti

  • evitare giocattoli per bambini con bordi o punte taglienti

  • verificare che la scatola abbia istruzioni in italiano sulle modalità di montaggio e utilizzo ecc

“Il 99% dei prodotti falsi non è sicuro –aggiunge inoltre Paolo Taverna, direttore generale di Assogiocattoli, l’associazione che raggruppa quasi tutti i produttori del settore –e occorre imparare a conoscerli per tutelare i bambini”. Oltre alle regole del ministero, un indizio da non trascurare è il prezzo: “E’ troppo basso? Meglio non comprare”.